Inventiamo il #WORKSHOW

download

In un’epoca in cui tutto cambia alla velocità della luce e le professioni devono continuamente innovarsi e reinventarsi anche la figura professionale del FOTOGRAFO sta subendo una grande mutazione.

Non voglio gridare alla disfatta, alla morte o al declino di una professione perché così non è… Mai come in questo periodo la fotografia è stata così presente nella vita di tutti noi… Certo, chi aveva il classico negozietto di fotografia dove sviluppava i rullini delle vacanze dei clienti e faceva qualche servizio durante le cerimonie, non se la starà passando bene, così come i fotografi fashion o di still-life che si son visti ridurre i compensi a colpi di ascia poiché editori e committenti preferiscono le più economiche banche immagini royalties free… Ma NON TUTTO È PERDUTO!

Occorre reinventarsi, cercare il lato positivo di questa visibilità “apparentemente gratuita” e trarre profitto da operazioni collaterali e innovative. Mi viene in mente il mercato discografico. Fino a qualche anno fa la preoccupazione dei cantanti/musicisti per il declino delle vendite dei dischi a favore dello sharing gratuito delle canzoni online era tangibile e non prometteva altro che morte e distruzione delle discografia… Nel giro di pochi anni però le case discografiche hanno saputo virare l’attenzione e i guadagni sui concerti (più numerosi) e sulle comparsate dei loro artisti nei talent come giudici e opinionisti (tutte cose che ovviamente non vengono fatte gratuitamente)…  Affinché tutto questo funzioni è stato necessario puntare maggiormente l’attenzione sul “personaggio” e forse un po’ meno sul prodotto… Che sia una valida soluzione anche per il fotografo?

Benedusi, ad esempio, percorrerà con il solo “POTERE DELLA FOTOGRAFIA” il tragitto da Imperia a Milano al grido di “La fotografia avrà ancora un valore?”… Lodevole la sua iniziativa (trovate le info sul suo blog). Tuttavia basterebbe l’idea a rispondere al suo quesito: la fotografia non ha più valore! Punto. Se non altro non ha più quello di una volta, per il semplice fatto che se la fotografia avesse ancora un valore lui sarebbe subissato di lavoro e non si dovrebbe “inventare” tale “cammino” dimostrativo per darsi e darci delle risposte.

Con lo stesso scopo di “tirare su la testa” e cercare vie alternative alla svalutazione delle fotografia, moltissimi fotografi professionisti e amatori, stanno invadendo il nostro “tempo” con WORKSHOP di una giornata, mezza giornata o di poche ore nei quali si propongono di “insegnare” qualcosa riguardante la “fotografia” ad un numero sempre più elevato di partecipanti, atteggiandosi per lo più da SPECIAL GUEST alias FOTO-PERSONAGGI, alla stregua del DJ che suona per un’ora durante una serata in discoteca…

Più volte ho ribadito che un WORKSHOP, per essere tale, dovrebbe durare almeno due o tre giorni e avere un numero ristretto di partecipanti. Ma attenzione: non voglio dire che i Workshop di un giorno siano “negativi” o “sbagliati” (io sono il primo a prendervi parte), potrei pagare volentieri per chiacchierare con il mio fotografo preferito, per vederlo all’opera un’oretta, per farmi dare due consigli, ma se il tutto mi venisse proposto sotto forma di WORKSHOP, sentirei puzza di bruciato…

Sarebbe un po’ come se “fare un Master alla Ferrari” significasse solo e soltando girare a piedi per i corridoi… Qualcuno potrebbe essere ben felice di fare un giro “pagando” nei corridoi di un’azienda come la Ferrari, ma il “valore” di un Master sarebbe ben diverso.

Da qui l’idea, peraltro già proposta in questo blog, di cambiare la definizione di “WORKSHOP” in quella più consona di “WORKSHOW” (lavoro+spettacolo) andando così a indicare eventi tenuti da fotografi/personaggi dai quali non si pretende un vero insegnamento, ma per lo più una leggera infarinatura, anche solo una chiacchierata in compagnia o qualche tutorial davanti a delle slide…

Diffondete il verbo! Più #WORKSHOW per tutti!

———————————–

facebook_messaggisofisticati copyALL RIGHTS OF THE PICTURES IN THIS PAGE ARE RESERVED – Don’t copy or publish anywhere without the written permission of the photographer.

TUTTI I DIRITTI DELLE IMMAGINI PUBBLICATE IN QUESTA PAGINA SONO RISERVATI – Non pubblicare o usare queste foto da nessuna parte senza il permesso scritto dal fotografo.

PS, SE QUI SOTTO APPARE UNA PUBBLICITA’ SAPPI CHE NON L’HO MESSA IO…

Annunci

~ di messaggisofisticati su 13/04/2016.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...