Big Eyes, Tim Burton ci fa aprire gli occhi

locandina

Ieri sono andato a vedere “BIG EYES” di Tim Burton. Mi aspettavo di non trovare il classico film con quello stile dark che tanto apprezzo di Tim, ma semmai qualcosa di più romanzato e fiabesco in stile “BIG FISH”. Quello che ho trovato è stato un FILM a tutti gli effetti. Non sono bravo a fare recensioni e capisco che descrivere un film definendolo un FILM è a dir poco generico… ma è la verità: per la prima volta Tim Burton ha portato sul grande schermo una storia vera senza troppi fronzoli ed effetti speciali, ambientandola in modo hopperiano in un’America degli anni ’50 e ’60 e lasciando allo spettatore il gusto di godersela dall’inizio alla fine nella sua “semplicità”.

bigeyes_burton

Certo, per chi si aspettava un ritorno al Tim Burton di “Beetlejuice” sarà una grande delusione, ma personalmente reputo “BIG EYES” un gran bel film, recitato in modo impeccabile da Amy Adams e da Christoph Waltz che ci aiutano ad APRIRE GLI OCCHI sul mondo dell’arte, della donna e dei rapporti umani (e disumani) che la pittrice Margaret Keane ha conosciuto direttamente sulla propria pelle. Ed è bello pensare che la pittrice, protagonista del film, sia ancora in vita…

margaret-keane-painting

Non voglio spoilerare anche se trattandosi di una storia vera, vi basterà leggere le vicende su Wiki, ma trovo che il film dia il meglio affrontando il discorso molto caro a chi bazzica nel mondo dell’arte in generale, che riguarda il rapporto “creativo vs pubbliche relazioni”. Il marito di KEANE, colui che per anni si è spacciato per il vero pittore dei quadri dagli occhi grandi, è stato un pessimo marito, un meschino approfittatore, ma paradossalmente anche un OTTIMO manager di se stesso e bravissimo nelle pubbliche relazioni. Gli sarebbe bastato sfruttare le sue doti manageriali portando all’apice del successo la moglie anziché prendersi tutti meriti, ma la domanda è: se Margaret non avesse trovato un uomo senza scrupoli, la sua arte avrebbe avuto così tanta visibilità?

big-eyes-artist-keane-movie

Penso che avere una mente creativa, diciamo un “animo artistico”, sia un dono, così come quello di essere un bravo “venditore” o un bravo “manager”…e che per raggiungere il successo siano necessari entrambi. Forse basterebbe solo un pelo di onestà in più…

big-eyes

bigeyes

facebook_messaggisofisticati copy

ALL RIGHTS OF THE PICTURES IN THIS PAGE ARE RESERVED – Don’t copy or publish anywhere without the written permission of the photographer.

TUTTI I DIRITTI DELLE IMMAGINI PUBBLICATE IN QUESTA PAGINA SONO RISERVATI – Non pubblicare o usare queste foto da nessuna parte senza il permesso scritto dal fotografo.

PS, SE QUI SOTTO APPARE UNA PUBBLICITA’ SAPPI CHE NON L’HO MESSA IO…

~ di messaggisofisticati su 07/01/2015.

3 Risposte to “Big Eyes, Tim Burton ci fa aprire gli occhi”

  1. Bg Fish lo trovai inguardabile.
    Ma nel senso che ho provato tre volte, a più riprese, a guardarlo, e tutte e tre le volte non sono riuscito ad andare avanti.
    È che Tim Burton non è un autore facile. Ha una sua matrice e un suo stile molto riconoscibili, ma non è immune da cose meno riuscite: potrei citare lo scailbo Il Pianeta delle Scimmie o il pessimo Alice in Wonderland, che comunque non bastano ad offuscare le meraviglie di Batman Returns (superiore al primo, noiosetto) e La fabbrica di cioccolato (un trionfo di trovate visive).
    Non credo spenderò soldi per questo Big eyes.

    • AH AH, vero Cyber… ricordo bene che a te BIG FISH non piace, io invece lo trovo uno dei miei film preferiti, un vero capolavoro sia come storia (riesce sempre a farmi piangere) che come fotografia e ambientazioni… Tuttavia, essendo una questione di gusti, penso che BIG EYES essendo ancora meno Tim burtoniano di BIG FISH effettivamente possa non piacerti… Pertanto guardatelo in streaming, essendo una storia vera, è comunque interessante… A me è piaciuto molto nonostante ci sia ben poco di Tim.

  2. Anch’io ho recensito un film con Amy Adams: http://wwayne.wordpress.com/2014/06/09/tre-film-in-uno/. Che ne pensi?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...