Weekend di fotografia

Il weekend che si è concluso alle mie spalle (con un po’ di vasellina) mi ha lasciato quello che viene fuori dal titolo del film citato nella foto togliendo il “da cavallo”.

Ebbene sì, nonostante maglie della salute, puntigliosa attenzione a proteggere gola e parti delicate del corpo, ME LA SONO PRESA! Cazzo! E pensare che proprio la settimana scorsa mi vantavo di non avere febbre da almeno due anni… Me la sarò tirata? E’ comunque un semplice colpo d’aria (che poi l’aria mica ti schiaffeggia)… Ciònonostante il weekend è stato MAGNIFICO

Ho fatto tre shooting in tre giorni. Un record… Ringrazio in ordine di apparizione la CUNENE, MIELE RANCIDO e REQUIEM MAGNOLIA. Le ultime due sono state anche una piacevolissima sorpresa in quanto non le conoscevo e spero nasca una lunga collaborazione (…se se, aspetta che vedano le foto prima di parlare). Riguardo alle foto ora viene il bello… Ne ho un bel bel po’ da sistemare… Non vedo l’ora di buttarmi a capofitto nella post produzione, ma il mal di gola, la testa che pulsa e gli occhi che lacrimano non danno vie di scampo e occorrerà attendere ancora qualche giorno prima di mettermi al lavoro. Non posso però mancare di ringraziare anche la MIAO per il supporto che mi ha fornito… senza il quale, non farei così tante foto.

Nel weekend ho trovato anche il tempo per andare a vedere la mostra di Henri Cartier-Bresson nel Palazzo Reale a Torino. Un’ottima raccolta di scatti, molti famosi, che raccontano uno spaccato di vita che spazia dal 1030 al 1970 circa… Un modo di vedere il mondo che forse oggi, nell’era digitale, ha perso gran parte del fascino. Sono convinto che se al giorno d’oggi buttassimo in rete foto simili, si disperderebbero in un attimo.

A presto…

~ di messaggisofisticati su 02/04/2012.

2 Risposte to “Weekend di fotografia”

  1. Parto dalla fine: quanto hai ragione.
    Col digitale, tutti si sono scoperti fotografi. E con l’iPhone la situazione è solo peggiorata (secondo le statistiche di Flickr la fotocamera digitale con la quale vengono scattate più foto non è una reflex Canon od una compatta Nikon, ma l’iPhone).
    Col risultato che ci sono troppe foto in giro per poterle apprezzare.
    Un bizzarro effetto collaterale.

    Poi, sono impaziente di vedere il risultato dei tuoi shooting con la Cunene, Miele rancido (ma che razza di nickname è?) e Requiem Magnolia.

    Per finire… stattene sotto le pezze, e goditela per quanto puoi!😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...