Un grazie di cuore agli amici dell’AFA

•11/11/2017 • Lascia un commento

Un’altra serata indimenticabile, quella di ieri sera, presso l’AFA (Associazione Fotografica Alessandrina) dove ho presentato “TUTTO CIO’ CHE NON DOVRESTI SAPERE PER FARE BELLE FOTO”… Ringrazio di cuore tutti coloro che sono intervenuti (a occhio e croce eravate una sessantina) e gli associati per essersi sbattuti all’inverosimile riservandomi la sala dell’ex cinema Ambra con tanto di radiomicrofono e proiettore megagalattico… e come se non bastasse in chiusura hanno anche imbandito un banchetto con più cibarie che a capodanno…

Che dire, è sempre bello fare e RICEVERE qualcosa dalla fotografia, se poi questo avviene nella propria città natale tutto prende un sapore ancora buono…

Qui sotto il post che mi hanno riservato oggi sulla pagina dell’Associazione… 😉

A PRESTOOOO

www.afalafotografia.com

———————————-

ALL RIGHTS OF THE PICTURES IN THIS PAGE ARE RESERVED – Don’t copy or publish anywhere without the written permission of the photographer.

TUTTI I DIRITTI DELLE IMMAGINI PUBBLICATE IN QUESTA PAGINA SONO RISERVATI – Non pubblicare o usare queste foto da nessuna parte senza il permesso scritto dal fotografo.

PS, SE QUI SOTTO APPARE UNA PUBBLICITA’ SAPPI CHE NON L’HO MESSA IO…

Annunci

Torna “Tutto quello che NON dovresti sapere per fare belle foto”

•25/10/2017 • Lascia un commento

Torna con mio grande piacere la serata “TUTTO QUELLO CHE NON DOVRESTI SAPERE PER FARE BELLE FOTO”… maggiori info al link QUI…

Riparte da ALESSANDRIA e dall’AFA (ASSOCIAZIONE FOTOGRAFICA ALESSANDRINA) con sede al DLF (ex cinema Ambra).

Se siete interessati a partecipare scrivetemi in pvt su facebook, su instagram o via email così segnalo agli organizzatori le eventuali persone in più rispetto agli iscritti dell’associazione… Ringrazio tutti di CUORE per avermi invitato.

Nella locandina tutte le info sulla data e l’orario. Vi aspetto numerosi. E se abiti lontano, ma vuoi organizzare anche nel tuo gruppo, associazione, con gli amici, al bar, dove vuoi tu una serata simile, scrivimi in pvt attraverso uno dei miei canali.

 

The funeral of heart, la genesi

•20/10/2017 • 4 commenti

“The funeral of hearts” – by Ettone – Model: Nicole Volpe – © all rights reserved

Sapete bene che mi piace condividere con voi “lettori”, le dinamiche che fanno nascere i miei concept. Non lo faccio per protagonismo, ma per l’esatto contrario: mi piace immaginare che questi procedimenti (del tutto personali), possano aiutare qualcuno di voi a trovare un modo per ispirarsi e CREARE!

In questo caso specifico il procedimento è stato alquanto strano. Da tempo immemore (come spesso accade con chi vuole scattare con me), ero in contatto con Nicole Volpe (la modella), ci seguivamo su Instagram e ho avuto modo di notare che anche lei è una grande fan degli HIM (uno dei miei gruppi musicali preferiti e fonte di ispirazione per tantissime delle mie fotografie). Pensate che lei si è persino tatuata il loro simbolo sul braccio.

Quando finalmente, dopo tantissimo tempo, è arrivato il momento di scattare (complice la collaborazione in parallelo con Cunene) ho iniziato a pensare ai concept che avrei potuto realizzare con lei. Le idee erano molte e non mancavano, ma ad un certo punto mi è balzata in mente un’idea diversa così le ho chiesto quale fosse una delle sue canzoni preferite degli HIM.

Lei mi ha risposto “THE FUNERAL OF HEARTS” e da lì è partito l’embolo creativo…

Mi è venuto in mente il cuore d’oro che ha la Cunene in studio e che già avevo utilizzato in uno scatto con la Giulia.

Il cuore quindi c’era, mancava il funerale… Non semplice da rappresentare… Tuttavia guardando nelle foto Instagram di Nicole non ho potuto fare a meno di non notare il lettino (del tutto originale) del suo gattino nero… Ebbene sì, fatto a forma di bara!

Le ho chiesto di portarlo e di lasciare mezza giornata il gattino senza il suo lettino (che fa anche rima)… E così il concept era pronto…

Una vedova al capezzale del “CUORE” nel momento del suo funerale…

Al momento della realizzazione dello shooting, ho notato che l’idea è piaciuta molto anche alla Cunene che seguiva il tutto aiutandomi nella realizzazione… così una volta scaricate le foto e scelto il mio scatto preferito (vedi foto di apertura in alto), ho poi inviato un altro file raw alla Cunene chiedendole di post produrlo con il suo stile e il risultato è l’opera d’arte che potete vedere qui sotto…

ALTRI CONCEPT CON NICOLE LI TROVI SUI MIEI CANALI: INSTAGRAM e FACEBOOK

e SUL CANALE INSTAGRAM della CUNENE.

 

“The funeral of hearts” – Photo: Ettone – Post Production: Cunene  – Model: Nicole Volpe – © all rights reserved

———————————-

ALL RIGHTS OF THE PICTURES IN THIS PAGE ARE RESERVED – Don’t copy or publish anywhere without the written permission of the photographer.

TUTTI I DIRITTI DELLE IMMAGINI PUBBLICATE IN QUESTA PAGINA SONO RISERVATI – Non pubblicare o usare queste foto da nessuna parte senza il permesso scritto dal fotografo.

PS, SE QUI SOTTO APPARE UNA PUBBLICITA’ SAPPI CHE NON L’HO MESSA IO…

Proviamoci

•29/09/2017 • Lascia un commento

Quando durante le serate fotografiche mi viene chiesto come si faccia a essere pubblicati sulle riviste fotografiche, la risposta è sempre la stessa: bisogna proporsi!

Starsene a casa, nel buio del proprio studio/cameretta (l’immagine della cameretta mi pare più dolce), un po’ per paura e un po’ per timidezza non porta a niente.

Come son solito dire in una frase che quando morirò spero resti tra le mie CIT. più famose: “i treni non è vero che passano una volta sola, ma per prenderli bisogna andare alla stazione”… E sì, da casa è difficile che passino a meno che uno non viva un migliaio di anni e magari nel corso dell’evoluzione del mondo gli costruiscano una ferrovia sotto il naso.

Detto questo… La seconda cosa che rispondo è che occorre proporre qualcosa di poco comune. Ciò non significa che dobbiate per forza ricercare l’eccesso, se vi piace fotografare paesaggi continuate a farlo con il massimo della passione e della professionalità, ma è ovvio che tra uno scatto paesaggistico eseguito in modo impeccabile (ma simile ad altri milioni) e uno scatto eseguito così così, ma in modo originale, vince il secondo.

LA TERZA e la più fondamentale (talmente tanto che nella prima stesura del post me ne sono dimenticato… AH AH) è che occorre DIRE QUALCOSA… Far foto tanto per farle non porta a nulla… MAI!

La quarta e ultima è “NON OCCORRE CONOSCERE QUALCUNO”, anche se ci hanno abituati (non a torto) che le vie preferenziali in Italia sono le più utilizzate, non occorre avere conoscenze per arrivare al proprio traguardo.

E visto che bisogna buttarsi: sto proponendo le mie FOTO sul portale SPREAFOTOGRAFIA dal quale è possibile inviare e caricare i propri scatti nella speranza di essere pubblicati. Dato che presumo che occorra farle notare alla redazione, se vi va, fateci un salto e se siete iscritti LIKATE… 😉

GRAZIEE, UN ABBRACCIO

Valentina shooting

•22/09/2017 • 4 commenti

all rights reserved – tutte le foto sul mio sito ufficiale clicca sull’immagine

Forse non l’avrete notato, anche se sui due social che più aggiorno (Facebook e Instagram) ho già postato tutti i concept di questo shooting, ma ho scattato con Valentina!

Sono veramente felice di aver effettivamente dato vita al terzo (sì, solo il terzo) shooting di quest’anno. Devo ringraziarla di cuore per avermi raggiunto una sera, con la sua auto, perché altrimenti sarei ancora qui ad attendere un weekend libero.

Ultimamente gli impegni si incrociano talmente tanto che mi riesce seriamente difficile programmare collaborazioni in stand by da tempo pertanto sto dando precedenza alle modelle che per comodità geografica e comodità “motorizzata” riescono a raggiungermi con poca fatica e in momenti della giornata non proprio favorevoli.

Sono felicissimo di aver lavorato con Valentina, che era comunque in contatto con me da diverso tempo… Valentina si è da subito prestata alle mie idee strampalate e ha fatto in modo che potessi creare senza limitazioni. Il tutto ha dato origine a diversi concept che mi hanno ridato linfa vitale e carica… Spero di riuscire a continuare su questa strada…

Se quindi sei una modella che vive vicino a me e che si sposta in auto, come più volte ribadito nelle REGOLINE di COLLABORAZIONE, fatti viva, sia mai che si riesca a organizzare qualcosa.

all rights reserved – tutte le foto sul mio sito ufficiale clicca sull’immagine

———————————-

facebook_messaggisofisticati copyALL RIGHTS OF THE PICTURES IN THIS PAGE ARE RESERVED – Don’t copy or publish anywhere without the written permission of the photographer.

TUTTI I DIRITTI DELLE IMMAGINI PUBBLICATE IN QUESTA PAGINA SONO RISERVATI – Non pubblicare o usare queste foto da nessuna parte senza il permesso scritto dal fotografo.

PS, SE QUI SOTTO APPARE UNA PUBBLICITA’ SAPPI CHE NON L’HO MESSA IO…

Bianco Festival e Ispirazionando

•11/09/2017 • Lascia un commento

Si è conclusa ieri la tre giorni di BIANCO FESTIVAL DELLA FOTOGRAFIA di Alessandria. Tre giorni di esposizioni (in più luoghi), di eventi e di divertimento all’insegna della fotografia.

Solitamente prendo parte a questi eventi solo come fotografo esterno, ma in questo caso, trattandosi della mia città e di persone che conosco, mi son sentito in dovere morale di aderire fin da subito all’Associazione per poterla supportare al massimo per quanto tempo e forze me lo abbiano concesso. Avrei potuto fare e dare molto di più, ma questo è.

Sarò sincero, non pensavo saremmo arrivati in fondo, ma gli ASSOCIATI (tutti) di BIANCO FESTIVAL, cari miei, hanno le palle e si sono fatti un mazzo tanto per fare in modo che tutto filasse liscio e andasse nel migliore dei modi. Un ESEMPIO che dimostra che  rimboccandosi le maniche si possono raggiungere traguardi importanti.

Al di là del mio supporto logistico, a ricordo della mia esperienza fotografica sono felicissimo di aver visto ESPOSTO per i tre giorni nella suggestiva cornice del CHIOSTRO DI SANTA MARIA DI CASTELLO il mio progetto “COLORFUL SEX” (qui per vederlo). Ho avuto il piacere e l’onore di conoscere il fotografo Bevilacqua durante la sua conferenza per la presentazione del suo libro fotografico dal titolo UTOPIE e infine mi son divertito (e spero anche il pubblico) nel tenere una “COSA” (chiamarla lezione mi sembra eccessivo, chiamarla conferenza pure…) sull’importanza delle ispirazioni dal titolo “ISPIRAZIONANDO”.

Qui sotto alcune immagini dei tre momenti…

UN GRAZIE DI CUORE a tutte le persone (pare quasi duemila) che sono passate e ai ragazzi di BIANCO FESTIVAL perché “siamo una squadra fortissimi fatta di gente fantastici”.

NON PERDETE DI VISTA le nuove iniziative che stiamo preparanzo a nome “BIANCO FESTIVAL” QUI!

LE FOTO QUI SOTTO SONO DI ANDO…

———————————-

facebook_messaggisofisticati copyALL RIGHTS OF THE PICTURES IN THIS PAGE ARE RESERVED – Don’t copy or publish anywhere without the written permission of the photographer.

TUTTI I DIRITTI DELLE IMMAGINI PUBBLICATE IN QUESTA PAGINA SONO RISERVATI – Non pubblicare o usare queste foto da nessuna parte senza il permesso scritto dal fotografo.

PS, SE QUI SOTTO APPARE UNA PUBBLICITA’ SAPPI CHE NON L’HO MESSA IO…

ANDO e la sua Sensitive Portrait Box

•09/09/2017 • Lascia un commento

Conosco ANDO in quanto è anche lui parte attivissima dell’Associazione BIANCO FESTIVAL.

È un bravissimo fotografo: con le sue foto in bianco e nero riesce a rubare sensazioni ed emozioni nella vita quotidiana dei suoi soggetti.

Mi ha parlato spesso del suo progetto della “SENSITIVE PORTRAIT BOX”, ma non avevo mai avuto modo di poterlo vedere in azione e di capire a fondo l’idea.

Ieri sera, in occasione dell’apertura della tre giorni espositiva del BIANCO FESTIVAL in Alessandria (tutte le info su esposizioni e eventi qui), ho finalmente avuto modo di vederlo in azione e devo dire che ho trovato il suo progetto a dir poco FANTASTICO!

Una botta emotiva diretta, un’idea semplice nel suo insieme, ma credetemi difficilissima da concepire… Lui ci è riuscito con pochi e semplici steps.

Un BOX nero… una sorta di cabina del telefono che isola il soggetto dal mondo esterno… una macchina fotografica che lui maneggia dall’esterno e che riprende il soggetto “in cabina” attraverso un piccolo foro… Il soggetto viene fotografato al suo ingresso nel box, nel silenzio, nella “seria normalità”, dopodiché ANDO diffonde una canzone (la sceglie lui, ed è giusto che sia così… il soggetto deve esprimere emozioni vere, non guidate o premeditate) a quel punto il soggetto inizia a provare emozioni, c’è chi ride, chi diventa triste, pensieroso, impassibile, malinconico, etc… a quel punto ANDO scatta una seconda istantanea per poi stamparla in una sorta di Polaroid in bianco e nero affiancata al primo scatto…

Un PRIMA e un DOPO che mostrano le vere emozioni delle persone e mettono in luce come i loro volti possano cambiare nel giro di pochi secondi. E non solo, dimostrano la potenza della musica e quella dell’anima… dell’Essere…

Lo ripeto, lo trovo un progetto fotografico eccezionale… Un progetto non solo creativo, ma psicologico, sociologico e guardare quelle foto fatte a persone comuni che passano di lì per caso ti lascia qualcosa dentro e ti fa capire una volta per tutte che non siamo quelle “MUMMIE” che incrociamo per strada…

No, cari miei, siamo emozioni… siamo VERI!

Qui sotto un esempio. Spero che le ragazze ritratte non si incazzino, ma ho visto che erano foto pubbliche su FB… Se così non fosse le tolgo…

———————————-

facebook_messaggisofisticati copyALL RIGHTS OF THE PICTURES IN THIS PAGE ARE RESERVED – Don’t copy or publish anywhere without the written permission of the photographer.

TUTTI I DIRITTI DELLE IMMAGINI PUBBLICATE IN QUESTA PAGINA SONO RISERVATI – Non pubblicare o usare queste foto da nessuna parte senza il permesso scritto dal fotografo.

PS, SE QUI SOTTO APPARE UNA PUBBLICITA’ SAPPI CHE NON L’HO MESSA IO…